Il Reazionario

Sono un reazionario, postero mio diletto, perché mi oppongo al progresso e voglio far rivivere le cose del passato. Ma un reazionario molto relativo, perché il vero bieco reazionario è chi, in nome del progresso e dell'uguaglianza sociale, vuol farci retrocedere fino alla selvaggia era delle caverne e poter così dominare una massa di bruti progrediti ma incivili. (Giovannino Guareschi)

Nome:
Località: Bologna, Bologna, Italy

Studente all'università di Bologna, 21 anni,dotato di scarsa simpatia per il comunismo...

sabato, maggio 10, 2008

Sartori e le sue fisime

Nel giornalismo italiano esiste una categoria ben definita, che è quella dell'intellettuale arteriosclerotico. Attraverso questa figura decaduta (di solito classe 1930 o giù di lì) i padroni dei giornali possono spargere i messaggi più stupidi, nascosti dietro al paravento della veneranda età del soggetto in questione. Ma una cretinata resta una cretinata anche se la dice un grande vecchio del giornalismo. Ed oggi, Sartori, con la storia del "fattore incompetenza" ha superato sè stesso. In pratica il nostro ha detto che i membri del nuovo governo sono tutti incompetenti. Ha salvato, bontà sua, Sacconi, il Professor Tremonti e il Professor Brunetta (avrei voluto vedere il contrario), ma tutti gli altri, niente, incapaci. In particolare, ha sparato su Alfano, la Gelmini e la Prestigiacomo ("a qualificazione zero" li ha definiti).
1) E' evidente che quando affidi degli incarichi a persone di 37, 35, e 42 anni, non avrai dei curriculum corposi come quelli di splendidi ultrasettantenni o ultraottantenni (vero Sartori?). Ma avrai freschezza ed elasticità mentale, cosa che non puoi aspettarti da un vecchio incartapecorito. Sartori dimostra quindi tutto il suo disprezzo per la gioventù, è il portavoce ideale di una certa parte del paese che non vuole saperne di dare opportunità ai suoi giovani.
2) Entrando nel merito, Alfano è avvocato, ed in più ha un dottorato in diritto d'impresa, perchè mai dovrebbe essere meno qualificato dei vecchi ministri della giustizia, Mastella (laureato in filosofia) Castelli (ingegneria) Fassino (scienze politiche)?
3) Prestigiacomo e Gelmini, è vero, non si sa bene cosa c'entrino con Ambiente e Pubblica Istruzione. Ma è un dato di fatto che non manchino di preparazione, nè scolastica, nè politica. Poi si può discutere se sia o meno il caso di "paracadutare" persone a trattare di argomenti che non sono i loro. Ma resta il fatto che non sempre l'esperto, il tecnico di provata fama, sono garanzia di qualità e di un buon lavoro.
Insomma, a mio parere Sartori ha toppato. Smaniava di parlare male del nuovo governo, e probabilmente non gli sarebbero mancate valide ragioni. Ma è voluto partire troppo presto, e gli è mancata la terra sotto i piedi. E' l'ennesimo sintomo della putrefazione di una certa sinistra.

5 Commenti:

Blogger Nessie ha detto...

Sartori è un vecchio rimbambito con la smania di apparire. Non ho mai capito come faccia ad autodefinirsi "liberale" eppoi a essere sempre grande amico dei sinistronzi come Passigli (ex senatore prima rifondarolo e poi DS) che ha una piccola casa editrice a FI.

6:57 PM  
Blogger Bobo ha detto...

Se sartori è liberale siamo a posto! ;-) mi consolo pensando che ormai non se lo fuma più nessuno...

8:32 PM  
Blogger Bobo ha detto...

Se sartori è liberale siamo a posto! ;-) mi consolo pensando che ormai non se lo fuma più nessuno...

8:32 PM  
Blogger Bobo ha detto...

Se sartori è liberale siamo a posto! ;-) mi consolo pensando che ormai non se lo fuma più nessuno...

8:32 PM  
Blogger v.mises ha detto...

Attacare Sartori per l'età è una vigliaccata sessantotina, altro che da "reazionario"!

Certo che Sartori è liberale!. Lui e si è battuto tutta la vita contro la sinistra, mentre il Berlusca leccava il culo a Craxi per salvare le sue TV. Fate finta di non saperlo?

Le critiche di Sartori erano giuste, e non erano all'età dei neoministri berluschini, ma alla loro ignoranza e incompetenza.

Ci sono tanti giovani, anche più giovani di questi scelti, e sicuramente più preparati a simili incarichi, ma non sono certo quelli che si vanno a cercare!

Che critiche simile alle fatte da Sartori si possano estendere a tutti gli altri governi precedenti non cambia la legitimità e la pertinenza della critica.

Ma visto che il PDL & C. pretendono di essere 'altro' rispetto alle tradizioni della malapolitica della casta, era il caso di separare la chiacchera dai fatti.

11:53 AM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page